presentazione
sede museale
collezione

> sezioni museali

Sezione domenicana
Argenterie liturgiche
Codici miniati
Dipinti
Galleria domenicana
Madonna di Trapani
Mobile da farmacia
Paramenti sacri
Reliquiari
Sculture in alabastro
Sculture lignee
Sezione medioevale

servizi
bibliografia

Altomonte
  Madonna di Trapani

La piccola e preziosissima scultura Ŕ una delle tante repliche dell'originale eseguito tra il 1340 e il 1345 dallo scultore toscano Nino Pisano, o dalla sua scuola, per la Chiesa di Santa Maria Annunziata a Trapani.

L'opera, alta circa novanta centimetri, un tempo esposta nella Chiesa di Santa Maria della Consolazione, Ŕ in marmo alabastrino dipinto e in parte dorato ed Ŕ attribuita a scultore trapanese della prima metÓ del secolo XVII.

Il culto della Madonna nella cittadina calabrese fu introdotto dai Sanseverino, signori di Altomonte dal 1381, quando Carlo Luigi Sanseverino, nella seconda metÓ del Seicento, spos˛ Maria Fardella, appartenente a una famiglia della nobiltÓ trapanese, quella dei Principi Paceco e Marchesi di San Luigi La Xitta. La contessa era infatti molto devota alla Madonna.

Altri esemplari simili si ritrovano a Morano e a Saracena, localitÓ rientranti un tempo nei feudi dei Sanseverino.
Madonna di Trapani
marmo alabastrino dipinto e dorato, databile al XVII secolo

 
|1|