Fondazione Napoli Novantanove
 

 

Norman Douglas

Norman Douglas nasce a Thüringen nel 1868. Innamorato del Sud d¹Italia, lo percorse in lungo e in largo e gli dedicò alcuni libri famosissimi: Siren Land (1911), South Wind (1917) e Old Calabria (1915), quest'ultimo il migliore di tutti. Il corteggiamento di Douglas al Mezzogiorno cominciò presto. Nel 1888 visitò il Bel Paese per la prima volta e questo viaggio fu per lui, come lo era stato per altri nordici, una resurrezione fisica e morale. Nel 1896 comprò una villa a Napoli, alla Gaiola, sulla punta di Posillipo, e la chiamò Villa Maya. Diplomatico in eterno congedo, senza una gran voglia di riprendere servizio a San Pietroburgo, abitò lì fino al 1904 quando, divorziato e impoverito, si trasferì a Capri, a Villa Daphne. Nel 1907 visitò la Calabria per la prima volta. Vi ritornò nel 1911 e poi ancora nel 1937. Della Calabria Douglas amava la natura selvaggia, i mari cristallini, le popolazioni fiere e il sovrapporsi di tracce e memorie storiche. Curioso di tutto, audace, astuto, resistente al disagio, poliglotta, sessualmente eccentrico, osservatore di costumi e riformatore della politica, interclassista e conservatore, democratico e alla mano nel tratto, ma grande gentiluomo, simpatetico ma non sentimentale, Douglas rappresenta un¹esperienza umana e una lettura rinfrancanti, istruttive e divertenti; e soprattutto così acute da essere in anticipo sui nostri tempi e sulle nostre idee. Muore a Capri nel 1952. 

 

Old Calabria

Douglas scrive Old Calabria nel 1915, di ritorno dal suo secondo viaggio nella regione, tra una piccola stanzetta alla periferia di Londra e la mitica sala di lettura del British Museum. Old Calabria non è solo un gran libro di viaggio ma anche un’aggiornata e utile “enciclopedia” sulla realtà calabrese, un eccellente strumento di divulgazione della Calabria. L’elenco delle curiosità e degli interessi dell'autore é impressionante. Tutto quello che l’occhio riesce a scorgere, subito lo riguarda: Douglas non è mai indifferente o distratto.
Lo interessano le chiese, che lo entusiasmano a patto che siano austere e antichissime, i ruderi di monasteri, le celebrazioni liturgiche albanesi, la religiosità e la superstizione. Ma anche la vita profana e civile, i volti della gente comune, le posture di solitari pastori, le scritte sui muri, le ingenue pubblicità paesane, i murales di protesta, il culto della pulizia.
Il controllato lirismo di Douglas si scioglie e prorompe, però, in presenza del paesaggio calabro al punto che quando ci trasporta in Sila e ci fa accampare sotto il pino laricio, noi lettori quasi rabbrividiamo per il brusco passaggio dalla luce all’ombra e dalla canicola al refrigerio.
Unanimamente considerata l'opera migliore di Douglas, Old Calabria è stato tradotto in tutte le lingue conosciute dell'epoca.