presentazione
sede museale
collezione

> sezioni museali

casa contadina.
edilizia rurale
gualchiere
industrie rurali
lavoro agricolo
mulini
pastorizia
popolazione agricola
proprietÓ terriera
territorio moranese
l'acqua
l'uso del suolo
paesaggio agrario
urbanizzazione
: l'impianto medioevale
: l'impianto settecentesco

servizi
bibliografia

Morano
  l'impianto medioevale

Nel corso del medioevo, l'abitato si sviluppa sul versante sud-orientale del colle su cui sorge la cittadina, intorno ai centri simbolici del potere politico e religioso, il Castello e la Chiesa dei SS. Apostoli Pietro e Paolo, seguendo il processo di espansione tipico degli insediamenti di quel periodo.

Gli edifici si dispongono, nella parte pi¨ elevata del borgo, in cerchi concentrici, seguendo le curve di livello e integrandosi perfettamente con la natura del suolo. Le costruzioni sono saldamente poste sulla roccia, che affiora qua e lÓ lungo le strade del centro antico e perfino nei vani a pianterreno di non poche case. Lo spazio Ŕ utilizzato al massimo, con gli edifici che si sviluppano intorno ai nuclei originari per successivi ampliamenti e aggregazioni, addossandosi e quasi sostenendosi l'un l'altro, fino a formare veri e propri 'isolati' piuttosto ampi ed irregolari.

La superficie destinata alle strade Ŕ minima ed esse sono frequentemente intervallate da sottopassi, che costituiscono, insieme alle torri difensive, uno dei dati pi¨ caratteristici del paesaggio urbano moranese medioevale.
la Torre e la Porta del Salvatore
la prima, a pianta quadrata, rientrava con altre due torri cilindriche nel sistema difensivo medioevale

 
|1|