presentazione
sede museale
collezione

> sezioni museali

argenteria liturgica
anello di San Nilo
sfera greca
simulacro argenteo della Santissima Achiropita
busti e arredi lignei
Codex Purpureus Rossanensis
paramenti liturgici
pergamene
reperti archeologici
tele e dipinti

servizi
bibliografia

Rossano
  sfera greca

L'ostensorio, altrimenti detto sfera greca per la presenza di croci greche, una preziosa opera di oreficeria romana quattro-cinquecentesca, in cui sono evidenti influenze gotiche e rinascimentali. L'opera databile tra il 1503 ed il 1511, come si rileva dallo stemma del Cardinale Bernardino Lopez de Carvayal, che resse l'Arcidiocesi rossanese in quegli anni.

in argento parzialmente dorato. La grande base a schema gotico con medaglioni rinascimentali recanti stemmi cardinalizi. Nel nodo esagonale sono state eseguite edicolette con figure della Vergine e dei Santi Pietro e Paolo, Andrea, Giacomo ed Elena. La teca, sormontata dalla croce, a forma di tempietto cuspidato con scomparti provvisti di polifore e rosoni.

Nel piede, infine, sei medaglioni, alcuni in argento dorato e in parte smaltati. Nel primo e nel quinto sono raffigurati la Vergine col Bambino. Nel secondo compare uno stemma con croce potenziata (greca) con evidenti tracce di smalto color verde, sulla quale impressa la scritta in latino IN SPEM CONTRA SPEM. Lo stemma riprodotto anche nel quarto e nel sesto medaglione. Il terzo, infine, riporta uno stemma in argento dorato e sbarra in smalto nero.
il prezioso ostensorio del XV secolo
(h cm 64,5)

 
|1|